“Rallegratevi con me, perché ho trovato la mia pecora che era perduta”

San Nerses Snorhali (1102-1173), patriarca armeno - Gesù, Figlio unico del Padre, § 26-31; SC 203

novembre 07 , 2019
Ho vagato nella terra deserta, come nella parabola della pecora, una nel gruppo delle cento. Il cattivo Nemico l’ha straziata: l’ha coperta di piaghe incurabili; perciò non vi è altro rimedio alla piaga, se non te, per guarirla. Fra le lacrime ti supplico, grido al mio Salvatore: Tu, buon Pastore venuto dal cielo, mettiti a cercare il piccolo gregge. Cerca, Signore, la moneta d’argento caduta è la tua immagine perduta (Gen 1,26), che ho sotterrato nel peccato e nel fango. Lavami, Signore, dalla mia sporcizia; rendi pura la mia anima, bianca come la neve (Is 1,18). Completa il numero di dieci dramme, come hai fatto per i quaranta santi [di Sebaste]. Portami sulle tue spalle, tu che hai portato la croce, rialza la mia anima caduta; rallegra la schiera celeste degli angeli per il ritorno di un solo peccatore.    

S. Corrado Confalonieri da Piacenza, eremita...

Close

S. Corrado Confalonieri da Piacenza San Corrado Confalonieri, Eremita Patrono di Noto e Calendasco   ...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Visita alle Famiglie
Martedì 7 Leggi

Visita alle Famiglie
Martedì 7 Leggi

Visita alle Famiglie
Mercoledì 8 Leggi

Visita alle Famiglie
Martedì 14 Leggi

Visita alle Famiglie
Martedì 14 Leggi