Settimana Santa

aprile 02 , 2020

1. Nelle chiese delle frazioni non ci saranno celebrazioni (causa coronavirus) e rimarranno chiuse.

2. Rimarrà aperta la chiesa di Traversetolo: Domenica Palme Triduo Pasquale Pasqua, ma non ci saranno celebrazioni, né messe (fino a nuove di- sposizioni.

3. Chi entra in chiesa deve avere la mascherina e non deve toccare o baciare la croce, statue,ecc; ed essere a debita distanza se si entra in più di due persone.

4. Nessuno deve, per propria iniziativa, organizzare momenti di preghiera in gruppo o andare a cercare frati o preti conoscenti. La preghiera è solo personale.

5. Dimostriamo di essere cristiani, anche senza le celebrazioni che, in tempi normali ,si sarebbero dovute fare.

6. Viviamo la Pasqua, soprattutto seguendo la liturgia in TV, e ricordando (ma questo vale per sempre) che Gesù ha vissuto l’ultima cena (Eucarestia) tra la lavanda dei piedi e la morte in croce.

La situazione attuale ci porta ad essere cristiani veri, perché la Messa senza servizio (lavanda dei piedi) e senza voler bene a chi ci sta accanto (morire in croce) è solo un bel rito, ma non un legame di amore che deve cambiare la nostra vita e rassomigliare a Gesù. Se non cambiamo il cuore è solo ostentazione e questo non aiuta a crescere come comunità.

Non lamentiamoci, non cerchiamo sotterfugi, ma chiediamo al Signore di cambiare la nostra vita, per essere “noi” pane e vino buoni.

Ricordiamo con forza le parole di Gesù quando dice: “Fate questo in memoria di me”; che non è solo celebrare la messa ma vivere come Gesù ha vissuto nella vita quotidiana.

E non cancelliamo dalla memoria:
a- Lavanda dei piedi:servizio, condivisione, pazienza, bontà, una buona parola...
b- Morte in croce: essere meno egoisti, sapersi voler bene dovendo stare molto tempo in casa, pregare di più, essere cristiani autentici; chiederci come potremo riorganizzare la Nuova Parrocchia, dopo la scomparsa di Don Andrea Avanzini, senza pretendere che siano altri a fare quello che dobbiamo fare noi.

Vi auguro una buona Pasqua.

don Giancarlo

La piccola chiesa di San Donnino

Close

Centovent’anni fa, precisamente nel 1901, la comunità di Castione de’ Baratti era in attesa di un importantissimo evento. Nei mesi primaverili si lavorò fervorosamente per poter giungere, verso l’estate, all’annuncio tanto atteso: tutto era pronto per l’inaugurazione del “nuovo Oratorio di San Donnino” presso la località di Orio ¹ . L’annuncio ufficiale venne esteso alla popolazione e pubblicato su “La...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Caritas - Carrello solidale: aperture di giugno
27, 29 e 30 giugno Leggi

Festa del centenario di Fondazione del Gruppo Alpini
10 luglio, domenica Leggi