"sono l'infimo degli apostoli, e non sono degno neppure di essere chiamato apostolo" (1Co 15,9)

San Bernardo (1091-1153), monaco cistercense e dottore della Chiesa - Terza omelia per la festa dei santi apostoli Pietro e Paolo, passim

giugno 29 , 2017
Fratelli, a ragione la Chiesa applica ai santi apostoli Pietro e Paolo le parole del saggio: "Questi furono uomini virtuosi, i cui meriti non furono dimenticati. Nella loro discendenza dimora una preziosa eredità, i loro nipoti" (Si 44,10-11). Sì, si può ben chiamarli uomini virtuosi: perché hanno ottenuto misericordia per se stessi poiché sono pieni di misericordia e nella sua misericordia Dio ce li ha dati. Vedete, infatti, quale misericordia ci hanno ottenuta. Se interrogate san Paolo su questo punto..., vi dirà di lui stesso: "Per l'innanzi ero stato un bestemmiatore, un persecutore e un violento. Ma mi è stata usata misericordia" (1Tm 1,13). Infatti chi sa quanto male ha fatto ai cristiani di Gerusalemme... ed in tutta l'intera Giudea?... Per quanto riguarda il beato Pietro ho un'altra cosa da dirvi, tanto sulime quanto unica. Infatti, se Paolo ha peccato, l'ha fatto senza saperlo, poiché non aveva la fede; Pietro invece aveva ben gli occhi aperti al momento della sua caduta (Mt 26,69ss). Ma "laddove è abbondato il peccato, ha sovrabbondato la grazia" (Rm 5,20). Se San Pietro ha potuto elevarsi a un tal grado di santità dopo aver fatto una caduta così grave, chi può ormai disperare, se vuole anche solo un poco uscire dai suoi peccati? Guardate quanto dice il vangelo: "Uscì e pianse amaramente" (v. 75)... Avete sentito quale misericordia gli apostoli hanno ottenuta, e ormai nessuno fra voi sarà oppresso dalle colpe passate più di quanto occorre... Se hai peccato, Paolo non ha forse peccato di più? Se hai fatto una caduta, Pietro non ne ha fatta una più grande della tua? Ora, l'uno e l'altro, con la penitenza, non solo hanno ottenuto la salvezza ma sono diventati grandi santi, sono addirittura diventati ministri della salvezza, i maestri della santità. Fa' dunque lo stesso, fratello, poiché è per te che la Scrittura li chiama "uomini virtuosi".    

In punto di morte...

Close

La fine della vita spaventa, non dovrebbe essere così per un cristiano, ma pur con tutta la fede, qualche timore persiste. Qualche secolo fa era assai peggio: non spaventava tanto la morte in sé quanto il giudizio di Dio che, secondo le predicazioni d’allora, non era per nulla tollerante e le porte dell’inferno si aprivano più spesso di quelle del paradiso. Grande preoccupazione dei parroci era quindi quella di riuscire a salvare il maggior numero di...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

San Rocco
14 agosto, venerdì, ore 21.00 Leggi

Solennità dell'assunzione della B.V. Maria
15 agosto, sabato, ore 11.00 Leggi

Assunzione di Maria
15 agosto, sabato, ore 10.00 Leggi

San Rocco
15 agosto, sabato, ore 21.00 Leggi

San Rocco
16 agosto, domenica, ore 21.00 Leggi