“Sono venuto a chiamare … i peccatori a convertirsi”

Giuliana di Norwich (tra 1342-1430 cc), reclusa inglese - Rivelazioni dell’amore divino, cap. 51-52

febbraio 29 , 2020
Dio mi ha mostrato un signore seduto in modo solenne nella pace e nel riposo; con dolcezza ha mandato il suo servo a compiere la sua volontà. Il servo si è affrettato a correre per amore; ma, ecco che è caduto in un dirupo e si è ferito gravemente. (…) Nel servo Dio mi ha mostrato il male e la cecità provocati dalla caduta di Adamo; e nello stesso servo la sapienza e la bontà del Figlio di Dio. Nel signore, Dio mi ha mostrato la sua compassione e la sua pietà per la sventura di Adamo, e nello stesso signore l’altissima nobiltà e gloria infinita alla quale l’umanità è elevata dalla Passione e morte del Figlio di Dio. Ecco perché nostro Signore è molto contento della sua stessa caduta [in questo mondo nella sua Passione], a causa dell’esaltazione e della pienezza di felicità a cui giunge il genere umano, che supera certamente quello che avremmo avuto se Adamo non fosse caduto. (…) Perciò non abbiamo alcuna ragione di affliggerci, poiché il nostro peccato ha causato le sofferenze di Cristo, né alcuna ragione di rallegrarci, poiché è il suo amore infinito che l’ha fatto soffrire. (…) Se succede che per cecità o debolezza cadiamo, rialziamoci subito, al dolce tocco della grazia. Correggiamoci con tutta la nostra buona volontà seguendo l’insegnamento della santa Chiesa, secondo la gravità del peccato. Andiamo a Dio nell’amore; non lasciamoci mai prendere dalla disperazione, ma non siamo neppure troppo temerari, come se cadere non avesse importanza. Riconosciamo francamente la nostra debolezza, sapendo che non riusciremmo a reggere neppure un attimo se non avessimo la grazia di Dio. (...) E’ giusto che nostro Signore desideri che ci accusiamo e riconosciamo lealmente e in verità la nostra caduta e tutto il male che ne consegue, coscienti che non potremmo mai ripararlo. Vuole allo stesso tempo che riconosciamo lealmente e in verità l’eterno amore che ha per noi e l’abbondanza della sua misericordia. Vedere e riconoscere l’uno e l’altro insieme con la sua grazia, è questa l’umile confessione che nostro Signore attende da noi e che è la sua opera nella nostra anima.    

Il padrone della messe...

Close

Nel brano del Vangelo letto poc'anzi veniamo esortati a cercare e, se possibile, a spiegare quale sia la messe di cui il Signore dice: “La messe è molta ma gli operai sono pochi. Pregate il padrone della messe di mandare operai per la sua messe”. Allora ai suoi dodici discepoli, ch'egli chiamò anche Apostoli, ne aggiunse altri settantadue e l'inviò tutti quanti - come appare dalle sue parole - alla messe già pronta. Quale era dunque quella...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Festa del centenario di Fondazione del Gruppo Alpini
10 luglio, domenica Leggi