Tutti mangiarono a sazietà

Sabato dopo l'Epifania

gennaio 08 , 2022

La Parola del Signore
…è ascoltata

In quel tempo, Gesù vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose. Essendosi ormai fatto tardi, gli si avvicinarono i suoi discepoli dicendo: «Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congedali, in modo che, andando per le campagne e i villaggi dei dintorni, possano comprarsi da mangiare». Ma egli rispose loro: «Voi stessi date loro da mangiare». Gli dissero: «Dobbiamo andare a comprare duecento denari di pane e dare loro da mangiare?». Ma egli disse loro: «Quanti pani avete? Andate a vedere». Si informarono e dissero: «Cinque, e due pesci». E ordinò loro di farli sedere tutti, a gruppi, sull’erba verde. E sedettero, a gruppi di cento e di cinquanta. Prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li dava ai suoi discepoli perché li distribuissero a loro; e divise i due pesci fra tutti. Tutti mangiarono a sazietà, e dei pezzi di pane portarono via dodici ceste piene e quanto restava dei pesci. Quelli che avevano mangiato i pani erano cinquemila uomini.

…è meditata

Gesù, che è Divina Misericordia, ha compassione per quella grande folla che lo seguiva e per le masse di smarriti e frastornati di quest’epoca di relazioni liquide e di cultura e fede faidate. Il legame indissolubile di Gesù con la nostra umanità assunta nella sua Persona, lo fa Buon Pastore che ad ognuno ripete: “tu sei prezioso ai miei occhi”. Sentiamoci dunque sotto lo sguardo di Gesù e, da Lui fissati con amore, preoccupiamoci solo della condivisione, cioè di mettere a disposizione degli altri quel poco che abbiamo, che può diventare tanto. Il miracolo della moltiplicazione, realizzato da Gesù, non è altro che il miracolo della condivisione: infatti dal poco condiviso (cinque pani e due pesci) si arriva all’abbondanza che sazia tutti e non esclude nessuno.

…è pregata

Signore Gesù, facci trovare nel pane eucaristico la forza per essere strumento del tuo immenso amore. Amen.

…mi impegna

…a pregare in maniera semplice e vivendo in pienezza ogni attimo di vita che il Signore mi dona.

\"È il Signore!\"...

Close

Siamo lenti ad accorgerci di questa grande e sublime verità che cioè Cristo cammina ancora, in un certo senso, in mezzo a noi e, con la sua mano, il suo sguardo o la sua voce, ci fa cenno di seguirlo. Non capiamo che questa chiamata di Cristo si realizza ogni giorno, oggi come una volta. Siamo al punto di credere che questo era vero al tempo degli apostoli, ma oggi non lo crediamo vero nei nostri confronti, non siamo attenti a riconoscerlo rivolto a noi. Non abbiamo...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Caritas - Carrello solidale: aperture di agosto
18 agosto, giovedì Leggi