Tutti mangiarono a sazietà

Sabato dopo l'Epifania

gennaio 08 , 2022

La Parola del Signore
…è ascoltata

In quel tempo, Gesù vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose. Essendosi ormai fatto tardi, gli si avvicinarono i suoi discepoli dicendo: «Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congedali, in modo che, andando per le campagne e i villaggi dei dintorni, possano comprarsi da mangiare». Ma egli rispose loro: «Voi stessi date loro da mangiare». Gli dissero: «Dobbiamo andare a comprare duecento denari di pane e dare loro da mangiare?». Ma egli disse loro: «Quanti pani avete? Andate a vedere». Si informarono e dissero: «Cinque, e due pesci». E ordinò loro di farli sedere tutti, a gruppi, sull’erba verde. E sedettero, a gruppi di cento e di cinquanta. Prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li dava ai suoi discepoli perché li distribuissero a loro; e divise i due pesci fra tutti. Tutti mangiarono a sazietà, e dei pezzi di pane portarono via dodici ceste piene e quanto restava dei pesci. Quelli che avevano mangiato i pani erano cinquemila uomini.

…è meditata

Gesù, che è Divina Misericordia, ha compassione per quella grande folla che lo seguiva e per le masse di smarriti e frastornati di quest’epoca di relazioni liquide e di cultura e fede faidate. Il legame indissolubile di Gesù con la nostra umanità assunta nella sua Persona, lo fa Buon Pastore che ad ognuno ripete: “tu sei prezioso ai miei occhi”. Sentiamoci dunque sotto lo sguardo di Gesù e, da Lui fissati con amore, preoccupiamoci solo della condivisione, cioè di mettere a disposizione degli altri quel poco che abbiamo, che può diventare tanto. Il miracolo della moltiplicazione, realizzato da Gesù, non è altro che il miracolo della condivisione: infatti dal poco condiviso (cinque pani e due pesci) si arriva all’abbondanza che sazia tutti e non esclude nessuno.

…è pregata

Signore Gesù, facci trovare nel pane eucaristico la forza per essere strumento del tuo immenso amore. Amen.

…mi impegna

…a pregare in maniera semplice e vivendo in pienezza ogni attimo di vita che il Signore mi dona.

\"Se riuscirò anche solo a toccare il suo...

Close

Riguardo all’offerta delle primizie dei frutti della terra, diceva la Legge: “Tutto ciò che verrà a contatto con queste cose sarà sacro” (Lv 6,11). Cristo immolato è il sacrificio unico e perfetto, di cui tutti i sacrifici dell’Antica Legge erano il simbolo e la figura. Chi viene a contatto con la carne di questo sacrificio sarà subito santificato; se è impuro, sarà mondato; se è ferito sarà guarito....

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

80° anniversario della Battaglia di Nikolajewka
28 gennaio, sabato, ore 18.00 Leggi

Tra moglie e marito non mettere il lockdown
28 gennaio 2023, sabato, ore 21:00 Leggi

San Geminiano
29 gennaio, domenica, ore 09.00 Leggi

Caritas - Carrello solidale: aperture di febbraio
6, 7, 8 febbraio Leggi