“Venite alle nozze”

San Nerses Snorhali (1102-1173), patriarca armeno - Gesù, Figlio unico del Padre, §683-687; SC 203

agosto 23 , 2018
Alle nozze divine che il Padre ha preparate per te, Figlio unico, la voce dei tuoi servi ha chiamato anche me, perché mi rallegri in gioie ineffabili, già quaggiù nel mistero del tuo altare e un giorno lassù nella città celeste (Ap 21,2ss) in una gioia eterna, inesprimibile e immutabile. Ma poiché non ho l’abito splendido, degno della sala delle nozze, dato che ho sporcato quello della fontana sacra del battesimo coi brutti peccati dell’anima, Signore infinito…, rivestimi ancora una volta di te (cfr Gal 3,27), e rendi lo splendore di una volta al mio primo abito ora macchiato. Affinché non senta la tua voce, Signore, pronunciare il nome di “amico” con l’espressione di pietà, e non sia come lui gettato per sempre nell’abisso.    

Comunità in cammino

Close

Hai perso un numero del giornalino parrocchiale? Vuoi rileggere un articolo? Tutti le uscite disponibili per il download!

Continua...





Avvisi e Comunicazioni