Venerdì della I settimana delle ferie del Tempo Ordinario

S. Arnold Janssen, sac. e fondatore dei Verbiti (1837-1909)



Lettera agli Ebrei 4,1-5.11.


Fratelli, dobbiamo temere che, mentre ancora rimane in vigore la promessa di entrare nel suo riposo, qualcuno di voi ne sia giudicato escluso.
Poiché anche a noi, al pari di quelli, è stata annunziata una buona novella: purtroppo però ad essi la parola udita non giovò in nulla, non essendo rimasti uniti nella fede a quelli che avevano ascoltato.
Infatti noi che abbiamo creduto possiamo entrare in quel riposo, secondo ciò che egli ha detto: Sicché ho giurato nella mia ira: Non entreranno nel mio riposo! Questo, benché le sue opere fossero compiute fin dalla fondazione del mondo.
Si dice infatti in qualche luogo a proposito del settimo giorno: E Dio si riposò nel settimo giorno da tutte le opere sue.
E ancora in questo passo: Non entreranno nel mio riposo!
Affrettiamoci dunque ad entrare in quel riposo, perché nessuno cada nello stesso tipo di disobbedienza.

Salmi 78(77),3.4bcd.6cd-7.8.


Ciò che abbiamo udito e conosciuto
e i nostri padri ci hanno raccontato,
lo diremo alla generazione futura:
le lodi del Signore, la sua potenza
e le meraviglie che egli ha compiuto.

Anch'essi sorgeranno a raccontarlo ai loro figli
a raccontarlo ai loro figli,
perché ripongano in Dio la loro fiducia
e non dimentichino le opere di Dio,
ma osservino i suoi comandi.

Non siano come i loro padri,
generazione ribelle e ostinata,
generazione dal cuore incostante
e dallo spirito infedele a Dio.



Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Marco 2,1-12.


Dopo alcuni giorni, Gesù entrò di nuovo a Cafarnao. Si seppe che era in casa
e si radunarono tante persone, da non esserci più posto neanche davanti alla porta, ed egli annunziava loro la parola.
Si recarono da lui con un paralitico portato da quattro persone.
Non potendo però portarglielo innanzi, a causa della folla, scoperchiarono il tetto nel punto dov'egli si trovava e, fatta un'apertura, calarono il lettuccio su cui giaceva il paralitico.
Gesù, vista la loro fede, disse al paralitico: «Figliolo, ti sono rimessi i tuoi peccati».
Seduti là erano alcuni scribi che pensavano in cuor loro:
«Perché costui parla così? Bestemmia! Chi può rimettere i peccati se non Dio solo?».
Ma Gesù, avendo subito conosciuto nel suo spirito che così pensavano tra sé, disse loro: «Perché pensate così nei vostri cuori?
Che cosa è più facile: dire al paralitico: Ti sono rimessi i peccati, o dire: Alzati, prendi il tuo lettuccio e cammina?
Ora, perché sappiate che il Figlio dell'uomo ha il potere sulla terra di rimettere i peccati,
ti ordino - disse al paralitico - alzati, prendi il tuo lettuccio e và a casa tua».
Quegli si alzò, prese il suo lettuccio e se ne andò in presenza di tutti e tutti si meravigliarono e lodavano Dio dicendo: «Non abbiamo mai visto nulla di simile!».


\"Date in elemosina quel che avete, ed ecco,...

Close

Non bisogna accontentarsi di dare del denaro; il denaronon è sufficiente, perché si può sempre trovare. E' delle nostre mani che i poveri hanno bisogno, per essere serviti, è del nostro cuore che hannno bisogno per essere amati. La religione di Cristo è l'amore, il contagio dell'amore. Coloro che possono offrirsi una vita agiata, hanno senza dubbio le loro ragioni. Possono averla guadagnata colloro lavoro; non mi arrabbio se non...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Vangelo della Domenica
15 gennaio, venerdì. ore 18.00 Leggi

Messa nella Basilica minore della Steccata
16 gennaio, sabato, ore 16.30 Leggi

S. Antonio Abate
17 gennaio, domenica Leggi

riunione dell’Azione Cattolica di Traversetolo
17 gennaio, domenica, ore 16.00 Leggi

Commissione regionale per la Famiglia
17 gennaio, domenica Leggi