La devozione alla Beata Vergine nel nostro comune

La scuola materna di Mamiano è stata inaugurata il 5 luglio 1959, fondata dal Parroco Don Enzo Valenti e da un gruppo di cittadini del paese; successivamente, nel 1964, è stata riconosciuta quale “Ente Morale”, assumendo l’attuale denominazione “Scuola Materna Madonna di Fatima” intendendo così affidare alla protezione della Beata Vergine l’educazione religiosa, morale, intellettuale, civile e fisica dei fanciulli dai tre ai sei anni, secondo le esigenze della loro età.

Nel suo diario del 5 luglio 1959, Don Enzo Valenti (che era stato nominato parroco a Mamiano nel 1958 dopo esser stato negli anni 1956-1958 cappellano a Traversetolo), ricorda “Il Sindaco Dott. Francesco Rozzi inaugura la Scuola Materna. Quest’opera costa £. 5.400.000. L’amministrazione è affidata al parroco il quale forma un Consiglio di Amministrazione formato dai Sigg: Parroco pro-tempore, Tosi Adolfo rappresentante del Comune, Lanzi Medardo per le famiglie dei bimbi assistiti e presidente, Corradi Enrico e Piazzi Arrigo: per i soci, Viaro Antonio: segretario. La direzione è affidata alle Figlie della Croce. Fondatrici sono Suor Ines Tersa: direttrice e Suor Irma Teresa aiutante. I bambini iscritti sono 23”.
La pagina del diario porta il visto autografo di Mons. Mario Affolti.

Quanti hanno sono passati da quel 5 luglio, quante cose sono cambiate, ma invariati sono rimasti i valori cristiani e lo spirito di servizio che animò quei volenterosi cittadini, appassionati della loro comunità e dei loro bambini.

La Comunità di Bannone, vanta l’aver ospitato, (prima parrocchia della diocesi di Parma), la visita della Madonna pellegrina che dall’8 febbraio 1952 al 19 maggio 1953 passò di casa in casa. Un intenso periodo di grazia che ravvivò nei parrocchiani la devozione per la Beata Vergine, Madre d’Amore.
L’indimenticabile Priore Don Tonino Onnis e la parrocchia vollero ricordare questo evento con la bella maestà di Via Bagnacana alla cui base è stata posta la targa marmorea con la seguente scritta: “... Con devozione e affetto di figli il Priore ed i parrocchiani dedicano perché perenne resti il ricordo della loro consacrazione al Suo Cuore Immacolato.”

Anche la Residenza per anziani “Villa Pigorini-Grossi custodisce nella propria cappella un’artistica immagine lignea della Beata Vergine, proveniente come quella della maestà dinnanzi alla sede della “Croce Azzurra”, direttamente da Fatima, benedetta nel 2005 dal Vescovo Mons. Cesare Bonicelli.





© Sonia Moroni La riproduzione dei contenuti di questo sito, senza il consenso dell'autore è proibita.
La citazione è consentita solo indicando fonte ed autore del testo
Hai trovato interessante questo articolo? Desideri approfondire i fatti narrati? Hai un argomento in particolare che vorresti fosse trattato? Vuoi contribuire alla ricerca storica mettendo a disposizione le tue conoscenze o il tuo materiale documentale? Contattaci!

SS. Silvestro e Donnino in Castione Baratti

Close

La chiesa di Castione dei Baratti conserva una doppia titolazione:  san Silvestro vescovo e san Donnino martire, a testimonianza dell’esistenza di due diversi luoghi di culto. Il primo, più antico, risalente all’alto Medioevo, con titolazione a san Donnino; il secondo, sorto in epoca più recente  in relazione con l’espandersi del nuovo centro abitato di Castione, dedicato a san Silvestro.  La chiesa primitiva era quella...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Lunedì dell'Angelo
22 aprile, lunedì Leggi

Appuntamenti Associazioni, Movimenti, Parrocchie... : Alla scoperta di una buona vita...
22 aprile 2019, lunedì ore: 20:30 Leggi

Appuntamenti diocesani : Chiusura Archivio Storico...
22 aprile 2019, lunedì ore: Leggi

Quarantore a Bannone
23 aprile, martedì Leggi

Benedizione della Famiglia 2019
23 aprile, martedì Leggi