60 anni fa nasceva il coro “I Laudatari”

L’8 settembre 1956 don Renato Furletti prendeva possesso della parrocchia di Guardasone, conferitogli dal Vicario Fora-neo mons. Mario Affolti. Già all’inizio dell’anno seguente, 1957, don Furletti scriveva: onde condecorare le funzioni li-turgiche viene costituita la corale parroc-chiale che ha modo in breve tempo, con canti semplici ma di effetto, di fare vedere come, con un poco di buona volontà, si possano ottenere ottimi risultati musicali a favore delle cerimonie e del buon gusto. L’iniziativa viene accolta con favore e numerosi diventano i componenti cantori che in occasione delle solennità aggiornano ed arricchiscono il loro repertorio. La competenza musicale di don Furlet-ti affascina anche Traversetolo dove, nell’anno seguente, sarà chiamato a sostituire il maestro Gior-gio Sandrini nella direzione della “Corale Aurora Traversetolo”, già attiva dal 1953.

Sotto la sua guida il nome del coro cambia: nascono co-sì nel 1958 “ I Laudatari” il cui repertorio si arricchisce degli “spirituals”, i canti tipici degli schiavi neri d’America. Il coro, tutte voci maschili, otterrà numerosi successi compiendo anche trasferte all’estero e parteci-pando alla trasmissione televisiva “Non è mai troppo tar-di” del Maestro Manzi. A don Furletti subentra nel 1970 il maestro Fabiano Monica, sotto la guida del quale il gruppo corale partecipa a diversi concorsi canori e in particolare si classifica secon-do a quello della città di Volterra. Nel 1977 è Icilio Ugolotti, già corista non-ché campanaro di Traversetolo, a prende-re la direzione del coro che cambia nome in “Gruppo Corale Traversetolo”. Icilio introduce lo studio di brani religiosi che avvicinano sempre più il gruppo alla parrocchia e lo i-stradano verso il cammino che viene poi intrapreso nel 1985 da Suor Elena Mattioli: il coro cambia il proprio nome in “Corale Cantico Nuovo” dedicandosi esclusivamente al canto liturgico.





© Sonia Moroni La riproduzione dei contenuti di questo sito, senza il consenso dell'autore è proibita.
La citazione è consentita solo indicando fonte ed autore del testo
Hai trovato interessante questo articolo? Desideri approfondire i fatti narrati? Hai un argomento in particolare che vorresti fosse trattato? Vuoi contribuire alla ricerca storica mettendo a disposizione le tue conoscenze o il tuo materiale documentale? Contattaci!

All'opera!

Close

Se accostiamo una conchiglia all’orecchio e aspettiamo, sentiremo in lontananza il mormorio del mare. Ma se ascoltiamo ancora più attentamente, senza stancarci, troveremo qualcosa di più raro e segreto, perché in quel rumore leggero e ritmico, come in ogni suono della natura, si nasconde una storia. Questa storia ha per protagonista una bambina: potresti essere tu, ma noi per comodità la chiameremo Sofia. Un giorno Sofia aprì gli occhi e si...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Colletta Alimentare
26 novembre, sabato Leggi

Gruppo Manodopera
27 novembre, domenica Leggi

Harvey
03 dicembre 2022, sabato, ore 21:00 Leggi