I Guarnieri

I Guarnieri e la tradizione della lavorazione del ferro

La tradizione della lavorazione del ferro in Traversetolo è stata per tanti anni legata al nome della famiglia Guarnieri. Gli stessi arredi in ferro, finemente lavorato, che ornano la nostra Chiesa sono opera novecentesca di Rosolino Guarnieri. Un mestiere, un’abilità artistica che ha origini lontane, ormai secolari.

Nel 1558, il 25 novembre, mastro Andrea Guarnieri, uomo discreto, figlio del fu Polidoro, stende il suo testamento. Egli si dichiara faber, sive ferrarius (fabbro, o meglio fabbro ferraio). Abita in Traversetolo ed al momento dell’atto è sano nella mente, vista, udito, intelletto e corpo. Alla sua morte egli vuole essere sepolto nella pieve di San Martino di Traversetolo e che i suoi eredi siano tenuti a far celebrare il suo funerale, la funzione nel settimo giorno dalla morte e tutti gli altri riti, ufficiati con decenza, per la cura della sua anima.

Quindi vuole ed ordina che domina Diamanta de Clerici, figlia del fu Antonio di S. Paolo (San Polo), sua moglie, sia padrona, donna di casa, governante, usufruttuaria generale della casa e di ogni bene, immobile e mobile ovunque esistente della casa dello stesso testatore e per tutto il tempo che vivrà casta e onesta in vedovanza onorando il nome del marito; se preferisse un’altra vita, ugualmente le concede la sua dote che è di scudi d’oro cinquecento come compare dal contratto matrimoniale, ed inoltre dei propri beni le dona lire imperiali trecento tre, soldi sei e denari otto.

Ai suoi fratelli, Giovanni Angelo e Giuliano, lascia cinquecento soldi a ciascuno.

Quindi vuole assegna e comanda come eredi universali il Consorzio ossia la Confraternita della Madonna Santa Maria di Traversetolo e Agnese Guarnieri, sua sorella, vedova del fu Marco Ferrari e Bernardina figlia di Pietro de Cagnoli di Mazzola e della defunta Angela, altra sua sorella.

Obbliga la Confraternita a far celebrare ogni singolo anno e in perpetuo una messa in occasione dell’anniversario della sua morte e sei messe pro anima sua. Allo stesso obbligo sono vincolati gli altri eredi.

Come si evince dal testamento, mastro Andrea era uomo di fede, benestante, generoso, particolarmente attento alla cura della sua anima; ma non aveva figli. L’attività della lavorazione del ferro sarà quindi condotta avanti dai suoi fratelli.





© Sonia Moroni La riproduzione dei contenuti di questo sito, senza il consenso dell'autore è proibita.
La citazione è consentita solo indicando fonte ed autore del testo
Hai trovato interessante questo articolo? Desideri approfondire i fatti narrati? Hai un argomento in particolare che vorresti fosse trattato? Vuoi contribuire alla ricerca storica mettendo a disposizione le tue conoscenze o il tuo materiale documentale? Contattaci!

San Michele Arcangelo in Sivizzano

Close

Le notizie attorno alla chiesa di Sivizzano sono scarsissime, tuttavia la sua dedicazione a San Michele, santo sovente ricordato nelle prime consacrazioni longobarde, indurrebbe a supporre un’epoca di origine molto antica. Della sua presenza però si viene a conoscenza solamente attraverso le decime del 1230. Nel Capitulum Decimarum, all’interno del pievato di san Martino di Traversetolo, si trascrive Capelle de Sivizzano. Stranamente, nel...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni

Porte aperte
22 settembre, domenica, dalle ore 10.00 Leggi

Incontro di preghiera del gruppo mariano "il chicco"
22 settembre, domenica, ore 15.30 Leggi

Agenda del Vescovo : Incontro con i cresimandi
22 settembre 2019, domenica ore: 16:00 Leggi

Agenda del Vescovo : Messa al Centro diocesano Emmaus (Porporano)
22 settembre 2019, domenica ore: 10:30 Leggi

Appuntamenti Associazioni, Movimenti, Parrocchie... : Festeggiamenti in onore di San Pio da Pietrelcina
22 settembre 2019, domenica ore: 09:00 Leggi