« Non potete servire a Dio e a Mammona »

San Clemente d'Alessandria (150-ca 215), teologo - Omelia Quale ricco potrà salvarsi?, 16-17; P.G. 9, 619-622

novembre 07 , 2020
C'è una ricchezza che semina la morte dovunque essa domini liberatevene e sarete salvi. Purificate la vostra anima; rendetela povera per potere udire la chiamata del Salvatore che vi dice nuovamente: « Vieni e seguimi » (Mc 10,21). Egli è la via su cui cammina chi ha il cuore puro; la grazia di Dio non si infila in un animo ingombrato e lacerato da una moltitudine di possessi. Chi considera la sua fortuna, il suo oro e il suo argento, le sue case come doni di Dio, costui testimonia a Dio la sua riconoscenza venendo in aiuto ai poveri con i suoi averi. Egli sa di possederli più per i suoi fratelli che per se stesso. Rimane padrone delle sue ricchezze invece di diventarne schiavo; non le rinchiude nel suo animo, né rinchiude la sua vita in esse, ma prosegue senza stancarsi un'opera tutta divina. E se un giorno la sua fortuna venisse a scomparire, accetta la sua rovina con cuore libero. Dio dichiara che un tale uomo è « beato »; lo chiama « povero in spirito », erede assicurato del Regno dei cieli (Mt 5,3) (...). Invece, c'è chi serra la sua ricchezza nel suo cuore, al posto dello Spirito. Costui tiene in lui le sue terre, accumula senza fine la sua fortuna, non si preoccupa di nulla se non di ammassare sempre di più. Non alza mai gli occhi verso il cielo; sprofonda nelle cose materiali. In effetti, non è altro che polvere e in polvere tornerà. Come potrebbe provare il desiderio del Regno colui che, al posto del cuore, porta in sé un campo o una mina, e che la morte sorprenderà inevitabilmente in mezzo alle passioni? « Perché là dov'è il tuo tesoro, sarà anche il tuo cuore » (Mt 6,21).     

ut Deus musica

Close

Nonostante la specifica analogia del verso iniziale, la matrice originaria del Preludio-Corale per organo non è reperibile nella Cantata n. 97, ma piuttosto nella Cantata n. 16, con il Corale finale della quale condivide la configurazione melodica. Non ne condivide ovviamente (data la diversità della destinazione) la egualitaria distribuzione quantitativa dei singoli valori che costituiscono la linea melodica, e che trascinano, in concorde simultaneità, le voci...

Continua...





Avvisi e Comunicazioni